Sab. Gen 28th, 2023

Con la tecnica del tira e molla, un passo alla volta, gestendo il dissenso siamo arrivati a questo:

– se sei stato a contatto con un positivo ti mettono agli arresti domiciliari, non pagato

– se sei positivo ti mettono agli arresti domiciliari

– se non ti vaccini perdi il lavoro

– se non ti vaccini sei fuori dalla vita sociale

– se non ti vaccini non puoi usufruire dei servizi base come ritirare una raccomandata o prendere l’autobus

– non esiste più la privacy

– non si possono accudire i parenti negli ospedali

– ti devi tenere una mascherina addosso tutte le volte che loro vogliono

– hanno creato lo scontro sociale

– se non sei vaccinato forse è meglio che non entri in un ospedale

– ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.

Tutto questo per un’influenza, perché, ammesso che inizialmente il covid 19 fosse realmente pericoloso, oggi si tratta di un’influenza. L’influenza è sempre esistita e sempre esisterà, bisogna riflettere su questo. Se lo stato che viviamo è giustificato da un’influenza sarà per sempre.

E’ chiaro che il covid 19 non è la causa ma il mezzo con cui hanno messo in piedi tutto questo, nascondendo le cure e favorendo i contagi hanno reso una brutta influenza, uno strumento di dittatura.

La domanda che pongo ai vaccinati, per voi va bene così? Vi farete tutte le dosi che loro vogliono per non avere fastidi? Vi prendete tutte le reazioni avverse senza fiatare?

E se domani decideste di non vaccinarvi più?

Sappiate che chi vi ha detto che non ci potete fare niente, mentiva. Il potere è del popolo, il popolo unito può mettere fine alla dittatura in pochi giorni, ma ci vuole la consapevolezza di cosa stia accadendo e la consapevolezza che non si può lasciare che accada. Non servono le proteste violente o i blocchi, quelli sono tentativi disperati necessari se la maggior parte delle persone continua a non capire, ma se tutti capissero basterebbe disobbedire alle leggi dittatoriali per porre fine alla dittatura. Lo stato usa il popolo stesso per imporre la dittatura, non è un caso che siano stati tolti i non vaccinati dalle forze dell’ordine, dalle forze armate, dall’insegnamento e dalla sanità. Se quelli che restano diventano consapevoli lo stato resta senza potere.

Vorrei fare riflettere chi tra di voi è convinto che non stia accadendo nulla di strano e che semplicemente esiste un virus pericoloso per fermare il quale è giusto fare quello che si sta facendo ed è giusto vaccinarsi.

Intanto ti invito a riflettere su quanti provvedimenti sono stati messi in campo dall’inizio della pandemia che hanno solo peggiorato le cose. Secondo te sono stati errori?

La questione dei no-vax, dei complottisti, etc. fanno parte del gioco. Come con la terra piatta, mettere in giro credenze assurde fa perdere di credibilità anche alle ipotesi verosimili ed ai fatti. Poi c’è pure chi ha speculato sulla situazione per arricchirsi. E’ chiaro quindi che esistono le false teorie del complotto, ma i fatti restano, i fatti sono fatti, ed indipendentemente dalle teorie complottistiche la realtà è quella che viviamo. Ci vogliono vaccinare ad oltranza, ormai è chiaro, anche chi è guarito, o chi dovrebbe essere esentato, tutti si devono iniettare. Ormai è anche evidente, sulla base dei dati, che i vaccini hanno rischi maggiori dei benefici stessi. Badate che i diritti che ci hanno tolto potremmo non riaverli più indietro. Quindi non mi giudicare come complottista, ho solo la mia opinione, se riesci a negare quanto ho scritto allora continua a seguire il sistema, ma se in coscienza capisci che io ho ragione, questo è il momento di prendere consapevolezza e di capire che bisogna opporsi.

Attenzione però, se il tuo riferimento, la tua verità, è quello che dice la TV ed i giornali di regime, bada che stai sbagliando. Un’altra arma in mano ai regimi è da sempre la propaganda, credere alle informazioni che passano liberamente in TV equivale ad affidare la pecora al lupo. Ciascuno di noi deve cercare di trovare canali diversi da cui informarsi, valutando volta per volta e caso per caso, se quello che quel determinato canale comunica è vero o è inventato, se ha fondamento o meno. Ma bisogna cercare le informazioni in canali non ufficiali. I social ad esempio sono in gran parte censurati, e questo già dovrebbe dare l’idea della gravità della situazione. Perchè censuarare, cosa hanno da temere? Se certe notizie sono false basta dimostrarlo, non cero però ponendogli solo addosso la scritta “fake news”. Informarsi per capire, oggi i principali social sono censurati, sono implementati algoritmi che nascondo le informazioni scomode. Esistono social alternativi come Telegram che al momento sembrano meno controllati, cosa costa ascoltare delle opinioni diverse, se siamo in grado di intendere e di volere sapremo anche capire se una notizia è vera o meno. Iniziate le vostre ricerche per capire, ancora siamo in tempo, ma non si sa per quanto tempo.

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram