Mer. Feb 1st, 2023

Come ho spiegato in un articolo precedente il popolo viene tenuto nell’ignoranza e nella distopia, la propaganda poi serve a preparare il popolo alle nuove privazioni, restrizioni, tasse e soprusi vari.

In pratica viene data al popolo l’illusione di essere in democrazia e di poter votare. In oltre, sia per la questione della zona comoda, sia con una delle tante dissonanze cognitive indotte, il popolo crede che se il governo in carica non va bene bisogna spettare le votazioni per cambiare. Un popolo quindi che subisce in silenzio in attesa della rivalsa delle nuove elezioni, privato quindi di qualsiasi istinto alla protesta, allo sciopero, all’azione legale e men che meno alla rivolta.

Tipicamente si alternano schieramenti che sono più vicini da una o ad un’altra parte del popolo, per definizioni divisa tra sinistra e destra, teoricamente la sinistra sarebbe più vicina ai bisognosi (ecco perché crea tanto bisogno, ad esempio con l’immigrazione), la destra teoricamente più vicina al mondo dell’imprenditoria e dell’industria. Quindi cosa fanno, quando governa uno fa le leggi impopolari per i sostenitori dell’altro schieramento, quando governa l’altro fa il contrario. Quando devono fare leggi impopolari per l’intero popolo mettono un governo tecnico.

La prova di quello che dico è palese, basta notare che dopo che uno schieramento fa finta di essere contrario alle leggi che ha fatto l’altro, che colpiscono i propri elettori, non ci pensa minimamente ad eliminare quelle leggi quando arriva al governo. Il nuovo eletto farà leggi contro gli elettori della parte opposta lasciando quelle “sbagliate” dei governi precedenti. Ovviamente non vengono eliminate neanche le leggi fatte dai governi tecnici.

All’inizio ho parlato anche di propaganda per preparare il popolo alle nuove ingiustizie. Spiego meglio il concetto prima della spiegazione conclusiva di tutto il meccanismo. Quando hanno deciso che la gente non doveva più andare in pensione “troppo giovane” si sono inventati l’insostenibilità del regime previdenziale. Questa insostenibilità, falsa e poi spiego perché, ha giustificato, come per il COVID, la violazione della costituzione, nel silenzio di un popolo reso distopico e confuso. In pratica sono stati tolti diritti acquisiti senza battere ciglio, dall’oggi al domani, ed il popolo ha subito in silenzio.

La prospettiva da cui dobbiamo vedere la questione per capire come stanno le cose è la seguente.

L’industrializzazione, le macchine, i robot, i computer e tutte le tecnologie avrebbero permesso all’essere umano di vivere meglio, di lavorare meno e di andare in pensione presto. Pensate ad esempio quanto produce un agricoltore industrializzato al giorno d’oggi, con quello che produce gli basterebbe lavorare un giorno l’anno per sfamare la famiglia e se stesso. Fino ad un certo punto questa possibilità è stata sfruttata e stavamo bene, si andava in pensione giovani e si lavorava meno. Questo stato di benessere per il popolo non è stato mantenuto, ad un certo punto i capitalisti hanno cominciato ad assorbire risorse per aumentare i propri soldi ed il proprio potere ed hanno peggiorato le condizioni di vita del popolo. Questo ultimo punto meriterebbe approfondimenti, ad esempio in riferimento al ruolo della Cina, ma usciremmo fuori tema.

Per togliere il benessere al popolo hanno dovuto utilizzare la propaganda ed il gioco politico di cui ho parlato sopra. La gente deve essere tenuta a bada, non deve mai risvegliarsi e capire, sia perché altrimenti il loro metodo non funziona più, sia perché potrebbero subentrare rivolte popolari. Il popolo non deve capire ad essere lui a comandare e deve lasciare comandare gli altri.

Il ruolo della politica qual è, perché la campagna elettorale, perché lo scontro in campagna elettorale tra i politici? I potenti del mondo hanno bisogno di imbonitori, hanno bisogno di persone che sappiano prendere per i fondelli il popolo. Il Salvini di turno paladino del no all’immigrazione, o il Renzi di turno che da 80 euro, o i 5 stelle che aprono le scatolette di tonno. Tutti attori che devono dare un’illusione al popolo, che devono riuscire ad essere votati perché ricevere voti significa essere bravi a tenere a bada il popolo e quindi magari meritevoli di simpatia dai potenti del mondo. Il programma non lo decidono i politici, loro devono soltanto tenere  bada il popolo e riuscire a imporre le leggi che i potenti vogliono. Chiaramente i burattinai stano sopra i politici, questi non sarebbero in grado di fare la giusta propaganda.

Di recente i potenti del mondo, che hanno capito che il loro sistema monetario salterà presto (come ho spiegato più volte in precedenza), hanno deciso un regime economico diverso. Il reddito di cittadinanza, il sistema dei bonus sempre più diffuso, la distruzione della piccola e media impresa, la distruzione dell’occupazione e la distruzione dell’economia e del tessuto economico che stanno in vari modi portando avanti, serve a creare un nuovo sistema economico. Si tratta di un sistema economico molto vicino al Marxismo ma molto più limitativo per la libertà delle persone. Pare che lo scopo sia anche e soprattutto quello di ridurre l’inquinamento e pare che per questo abbiano deciso di ridurre la popolazione con un vaccino che funziona come il veleno per topi… uccide con effetto ritardato.

Come sempre si tratta di una sintesi, negli articolo precedenti trovate i dettagli di ogni aspetto trattato.

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram