Sab. Giu 15th, 2024

Abbonamento annuale ai mezzi pubblici a 20 euro e i polli ci cascano con tutte le scarpe.

Quello che sta accadendo a Messina è solo un esempio di implementazione di un paradigma applicato su più fronti a più livelli. Anche altre forme di aiuto o di sussidi, come in agricoltura, hanno lo stesso criminale scopo, si tratta di imposizioni coatte con raggiro.

Utilizziamo l’esempio di Messina per capire come funziona. Immaginiamo che l’Europa, su ordine di qualcuno, e con la falsa scusa del clima, abbia deciso di eliminare i mezzi privati. Se venisse impedito improvvisamente alle persone di possedere o utilizzare un mezzo proprio sarebbe verosimilmente rivolta. Non solo perché verrebbero stravolte le abitudini di vita ma anche perché i mezzi pubblici sono spesso simili ai carri bestiame. Il meccanismo che mettono in atto per imporre il loro volere è basato sulla progressività, sul fare abituare le persone dando TEMPORANEAMENTE dei presunti vantaggi, quando le condizioni saranno tali da non poter tornare indietro spariscono benefici e sussidi e resta il carro bestiame. A Messina, ad esempio, mentre stanno distruggendo la viabilità, danno un servizio pubblico il più possibile economico e efficiente, in pratica gratuito. Lo possono fare perché i burattinai dell’Europa danno in prestito ai comuni i nostri stessi soldi per fare quello che vogliono loro, ad esempio le inutili e pericolose piste ciclabili. Gli amministratori hanno il loro tornaconto a prendere questi soldi e dare appalti, nulla di male (per loro) se per ora si va in deficit sui trasporti pubblici.
La progressività consiste nel fatto che stringendo sempre più la cinghia saranno sempre più i cittadini che si faranno fregare, spinti da una viabilità sempre più compromessa si abitueranno ad utilizzare i mezzi pubblici. Avendo ceduto al ricatto si disinteresseranno delle ulteriori limitazioni imposte per circolare con i mezzi privati, consolati come sono dai presunti vantaggi di cui stanno beneficiando. Aumentando le restrizioni altri cittadini cederanno e via così. Quando tutti i cittadini, o comunque la maggioranza, si saranno fatti fregare, non sarà più possibile tornare indietro, la viabilità sarà definitivamente compromessa, le restrizioni ormai in vigore, la gente non avrà la forza e la compattezza per opporsi, ed ecco che con la scusa del deficit aumenteranno i costi e peggioreranno i servizi e via con i carri bestiame.

Gli esempi in tal senso potrebbero essere tanti (ricordiamo esempio 80 euro l’ora per i medici vaccinatori e 10000 Euro al giorno per la terapia intensiva di casi di farlocco tampone positivo). Oggi gli agricoltori si stanno ribellando alla decisione europea (o meglio del WEF) di toglierci la possibilità di produrre il cibo, dovremo mangiare carne sintetica e insetti prodotti da poche multinazionali. Ecco che alcuni media asserviti al potere rinfacciano agli agricoltori che non dovrebbero ribellarsi visto che prendono i sussidi…

Spero che gli agricoltori non mollino e che si esca dall’Europa

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram