Sab. Gen 28th, 2023

Una volta può accadere, due già è improbabile, ma ultimamente sono frequenti i casi di malori improvvisi, anche fatali, contemporanei, nella stessa zona, ma non in posti contigui. E accaduto in una fabbrica, credo fossero quattro persone in stanze diverse. Più volte è accaduto in spiaggia, in alcuni casi a distanza di qualche decina di metri, in altri casi di un paio di chilometri. Un paio di giorni fa in spiaggia un’ambulanza ha dovuto soccorrere tre persone contemporaneamente.

Se accadesse solo in luoghi chiusi o a persone vicine qualche metro si potrebbe pensare a delle esalazioni tossiche. Se avvenisse a distanza di qualche ora si potrebbe lasciare dire che il caldo in quella determinata zona era particolarmente letale, per chi ci vuole credere. Ma le circostanze non si spiegano con nessuna delle precedenti ipotesi.

Quello che si può ipotizzare forse è che le persone che hanno un malore in contemporanea sono state probabilmente colpite dall’emissione di una particolare onda elettromagnetica. Nel caso avvenuto nella fabbrica potrebbe essere stato un qualsiasi dispositivo o antenna nella fabbrica stessa o nelle vicinanze, nel caso delle spiagge i radar delle navi e delle motovedette potrebbero essere i maggiori indiziati.

La domanda che potrebbe venire a chi di voi non ha ancora capito dove stia andando a parare è: perché prima queste cose non accadevano? Perché solo alcune persone? Perché ora accade di frequente?

Salvo che non abbiano inventato ed utilizzato di recente delle tecnologie letali, cosa difficile vista la rigida normativa che interessa le emissioni di onde elettromagnetiche, qualcosa deve essere cambiata nelle persone a cui queste cose accadono. Come ho spiegato in un articolo di qualche mese fa, l’ossido di grafene presente nei vaccini Covid potrebbe favorire la trasmissione delle onde elettromagnetiche all’interno del corpo. I grafene stesso poi, soggetto a magnetizzazione quando sollecitato da onde elettromagnetiche, potrebbe polarizzarsi e polarizzare il ferro contenuto nei globuli rossi. I globuli rossi a quel punto si impilerebbero disponendosi in colonne, come osservato al microscopio in campo scuro da più ricercatori, causando un improvviso arresto della circolazione sanguigna locale. Se il grafene è localizzato in aree vitali questo può causare un malore o la morte improvvisa. Complottismo? Lo spero.

Indipendentemente dalle opinioni che ciascuno possa avere, qualora queste ipotesi possano essere vere, prima si scopre questo tipo di fenomenologie, più persone potranno essere salvate, nascondere la realtà non serve a nessuno. I media del mainstream sono molto restii a dare queste informazioni, si trovano spesso solo sulle testate locali.

Potete iscrivervi alla newsletter del blog “NEW POST ALERT”, oppure seguirmi sui social. Ecco i link:

Telegram: https://t.me/farefrontecomune

Facebook: https://www.facebook.com/alessandro.ratti.9279

Instagram: https://www.instagram.com/rtt.alex/

Twitter: https://twitter.com/AlessandroRatt8

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram