Lun. Giu 24th, 2024

Il discorso di Putin alla nazione è stato palesemente un discorso propagandistico, per preparare la gente ad una guerra lunga, o infinita. Nulla di nuovo, la propaganda continua la fanno tutti i capi di stato, inclusi i nostri, anche per motivi meno tragici. Tanti ringraziamenti, tante promesse per il futuro ma nella sostanza la produzione di armi sarà aumentata e sarà continua perché la guerra non finirà, così evidentemente è deciso.

Il giorno prima Biden ha promesso sostegno illimitato a Zelensky.

E’ tutto un film! Una guerra per una striscia di terra, vi ricorda qualcosa? Quante guerre ci sono nel mondo che non finiscono mai? Nessuno dei contendenti cede, ufficialmente non può cedere perché sarebbe una sconfitta, nella sostanza non cedono perché è deciso così. Zelensky è un attore di professione, la persona adatta per inscenare tutto questo.

I morti sono veri, certo, soprattutto militari in età di procreazione. Ma vi meravigliate? Quante persone sono morte per una psico-pandemia, persone morte per una finzione, morte di paura e di vigile attesa. Ora tocca ai giovani che se ne vanno per un malore improvviso, le cause sono di tutti tipi, il caldo, il freddo, il tiepido, perchè si coricano tardi, perchè si svegliano presto, per il cambio dell’ora, ma la finzione dice che non è stato il vaccino, quello è sano e giusto, e ne dovremo fare tanti altri.

Una guerra in cui un giorno si guadagna un metro, poi se ne perdono due, poi se ne guadagnano tre, e via così vita natural durante. Qualcuno poverino si svena a produrre armi ed a venderle ai popoli che con le loro tasse ed i loro sacrifici finanziano le guerre in cui vanno a morire. Nel contempo i capi di stato con la scusa della guerra possono fare tutto quello che vogliono. Il popolo tenuto nella paura, nella distopia, in un Truman show che serve ad avere una mandria di pecore che lavora, che viene macellata al fronte o semplicemente eliminata per fare spazio.

Tutto sommato è quello che faceva il Grande Fratello di Orwell, la guerra tra Eurasia ed Oceania. Di queste guerre ce ne sono in più parti del mondo e sempre ce ne saranno. Meglio mettersi d’accordo tra capi di stato per inscenare una guerra che conviene a tutti i potenti, piuttosto che fare una guerra vera che può ribaltare le leadership o far finire qualche capo di stato a testa sotto a Piazzale Loreto.

Dopo un anno di guerra una parola per la pace sarebbe stato bello sentirla in un pompato discorso alla nazione. Invece il Grande Fratello promette ricchezza, riduzione delle tasse, scuole migliori, neanche Berlusconi ha mai avuto tanta fantasia. In mezzo a tutte queste belle cose una finestrella di Overton prepara alla guerra infinita. Il popolo russo è patriottico, ha ringraziato scrupolosamente tutti quelli che hanno aiutato al fronte, e promette una vita da eroi a chi va in guerra o alla sua famiglia ormai orfana. Pazzescamente distopico quanto banale. Dall’altro lato hanno creato forse dei fanatici, spietati e cattivi, sono comunque tutti figli della propaganda, o peggio portati al fronte con la forza.

Non so dire quando sia stato deciso questo epilogo della guerra, forse già dal 2014 si preparava questa sceneggiatura, non lo so. Forse Putin veramente era mosso dall’intenzione di liberare un popolo o di riguadagnare un territorio. Ma questa guerra era senza vie d’uscita già dal principio, ora ne hanno fatto la guerra di Orwell. Non si sa come evolverà e se a noi toccherà solo mettere mani al portafoglio per sempre, o se ci sarà di peggio. Tutto questo chiaramente è possibile fino a quando ci sono persone che per qualsiasi motivo, fosse anche per non essere giustiziate, vanno ad uccidere altre persone vittime di un vile disegno di potere. Immaginate per un attimo se tutti i soldati si rivoltassero contro i loro generali.

Mi fa rabbia vedere il popolo credere ancora a quello che vede e che sente dai media e dai politici. Si meravigliano della scelte della Meloni e non capiscono che lei è lì per le scelte che sta facendo, altrimenti non la avrebbero fatta arrivare. Discussioni inutili sul bonus del 110 che si capiva da subito che c’era un tranello (articolo del 20 marzo 2022 nel blog). Tutti appresso a Messina Denaro prima, poi Zelensky, poi Fedez, etc. etc. etc. I potenti fanno quello che vogliono vedendo dall’alto della loro intelligenza un popolo di stupide galline che “si azzuffano per niente” (cit.). Il popolo dimentica presto, Mattei, Aldo Moro e chissà quanti altri, se mossi da sani e liberi principi sono finiti orizzontali, e la gente continua a credere a quelli che restano per decenni in posizione verticale indisturbati.

Twitter: https://twitter.com/AlessandroRatt8

Telegram: https://t.me/alessandro_ratti

Telegram: https://t.me/farefrontecomune

Facebook: https://www.facebook.com/alessandro.ratti.9279

Instagram: https://www.instagram.com/rtt.alex/

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram