Sab. Gen 28th, 2023

Farò attenzione a distinguere bene i fatti dalle idee e dalle opinioni.
Quello che possiamo osservare è che procedendo a piccoli passi, con un tira e molla continuo, il pensiero diffuso, le idee, la cultura, le abitudini, gli usi, tutto viene progressivamente modellato, controllato, pilotato. Gli esempi più attuali sono due, uno è quello degli insetti, progressivamente, un po’ alla volta ci stanno abituando all’idea di nutrirci con gli insetti, o che comunque questi siano un alimento alternativo o complementare del futuro. Il Grillo parlante ha detto che bisogna cominciare ad utilizzarli nelle mense scolastiche, questa è una chiara fase di “tiro”, si da una notizia pesante da un lato e si fa un monitoraggio delle reazioni dall’altro per capire lo stato di accettazione della popolazione, se serve si molla un po’. Parallelamente cominciano a parlare di latte di scarafaggio, farina di insetti, etc. Sembra assurdo a molti che leggono, altri lo hanno notato, pochi sono oggi disposti ad accettare tutto questo, ma loro non hanno premura, il piano va avanti modulato in base alla risposta delle persone.
L’altro esempio contemporaneo di modellamento del pensiero riguarda una questione innominabile, se voglio che questo articolo non venga censurato dai social devo stare anche attento a parlarne. Premesso che non ho nulla da ridire sulle scelte, sulle pulsioni e le orientazioni di alcuno, non si può negare che l’esistenza stessa del genere umano si basa sull’accoppiamento uomo-donna, la normalità dovrebbe essere questa. Ma c’è di più, molti psicologi del passato, di quando forse ancora non era stato messa in programma questa modifica della normalità, evidenziavano l’importanza dei riferimenti padre e madre per l’equilibrio psicologico dei bambini. Inoltre, sempre gli stessi psicologi come Freud, From, etc. spiegavano che l’orientamento sessuale non era innato ma si forma in una prima fase della crescita ed in questa fase è importante che si abbiano dei riferimenti ben chiari. Quello che oggi si vede in TV, nei social e nelle strade non va in questa direzione anzi forse porta verso una direzione opposta. Quello che fa tremare ancora di più è che oggi siamo già alla fase successiva, proprio nell’ultimo anno la libertà di orientamento sessuale è stata estesa alla pedofilia, che vi piaccia o meno cominceranno a spingere per rendere normale anche questa. Scarafaggi e pedofilia forse sembrano un limite invalicabile, vedremo se la gente saprà resistere.
Di esempi di modellazione del pensiero  del passato, modifiche culturali che ormai sono considerate normalità e che sei marziano se non le condividi, c’è ne sono tanti. Uno è il concetto di posto fisso, il “dio stipendio”. Le persone devono essere dei meri operatori, una mandria in un allevamento intensivo di manodopera a basso costo. Hanno distrutto la famiglia sotto tutti i punti di vista. Oggi è normale lasciare padre e madre passare la vecchiaia da soli in casa, o quando si può con una colf, perché i figli devono andare 1000 o 2000 chilometri lontano per uno stipendio, per sopravvivere. Poi vedi, da un lato distese di terra fertili abbandonate, dall’altro si importano alimenti da altri paesi, si ricorre ad allevamenti intensivi con mangimi di tutti i tipi, ricorrendo ad antibiotici e medicine per aumentare la crescita. Animali che diventano delle macchine da latte o da uova o coltivazioni di carne, chiusi in spazi tali che quando va bene possono muovere la testa. Non parliamo poi delle coltivazioni a base di pesticidi, concimi chimici, prodotti transgenici. Tutto questo per avere una produzione concentrantra in poche grosse realtà produttive e per permettere al contempo una vita di consumismo. Si mangia 10 volte più del giusto, poi si spendono anche risorse per dimagrire o peggio per curarsi. Si percorrono centinaia di chilometri al giorno per andare a lavoro, si fanno viaggi continui perché va di moda…  Questo modello consumistico-centralizzato, ancora in fase di completamento con l’e-commerce di Amazon, le grandi catene, ecc., è stato voluto per il controllo totale dell’ economia, dalle stesse entità che oggi voglio ridurre l’inquinamento per un’esistenza sostenibile, e lo vogliono fare proprio facendoci mangiare insetti, limitando le mostre libertà per ridurre i consumi, correggendo quindi gli errori fatti da loro stessi. Non voglio dire che forse per loro siamo anche in troppi su questa terra.
La centralizzazione delle economie, le grosse aziende, la dipendenze dal petrolio o dal nucleare, con l’utilizzo delle persone come meri animali da lavoro, permette ai potenti del mondo di acquisire il controllo di tutte le realtà economiche, acquisendone le azioni quando queste sono cresciute e diventate società per azioni. Sarebbe difficile per loro impadronirsi di tante piccole aziende, magari a conduzione familiare, per questo oggi stanno portando le piccole e medie aziende alla chiusura, prima con la scusa del Covid, ora con la scusa dei costi dell’energia.
Un piano  che invece accomuna passato e presente sono i vaccini. L’idea di vaccinare tutti ogni anno, magari più volte è ultracentenaria, vengono i brividi leggendo un libro del ’79 che sembra scritto oggi e che parlava dei decenni passati: ‘L’intossicazione da vaccino, Delarue, 1979″. Vaccinare tutti perché? Qualcuno dice per questioni economiche e non si può negare che è un bel business. Qualcuno dice perché se l’agente accetta la vaccinazione sotto ricatto, se vende quindi il suo corpo, può accettare tutto, il vaccino è quindi simbolo di obbedienza assoluta. C’è poi chi sostiene che vogliono controllare il numero di abitanti del pianeta agendo sulla fertilità e sulla salute.

In definitiva, gli stessi che hanno creato dei problemi sociali imponendo un modello di vita che centralizza il potere e l’economia, che centralizza la produzione di beni e servizi alimenti compresi, che vuole l’abbandono delle terre e del lavoro autonomo per creare  un “allevamento intensivo di manodopera a basso costo”, ora impone nuova sofferenza al popolo per rimediare ai suoi errori, ma non avendo sulle cause ma sugli effetti.

La domanda principe, quella che rende tutto questo inverosimile, è chi dovrebbe volete e fare tutto questo, quale sia la regia.
In realtà è più semplice di quanto sembri ma, ovviamente, non deve essere evidente alle masse, ai popoli. Esistono persone che da sole hanno un patrimonio superiore al PIL di interi stati. Poi ci sono famiglie ricche, di banchieri, petrolieri, ecc., che hanno patrimoni anche molto molto superiori ai precedenti. Questi personaggi organizzano realtà come il World Economic Forum, il gruppo Bilderberg, l’Aspen Institute, la  Trilateral, ecc.  ecc. Sostanzialmente si riuniscono e decidono cosa fare per i loro interessi o per le loro idee e definiscono le strategie per imporre il loro volere.
La propaganda è una delle armi in loro possesso, utilizzata da sempre a tutti i livelli, sia per scopi commerciali e di marketing che politici. Un’altra arma è la corruzione della scienza, della politica, della medicina, dei media, dei giornalisti, etc. Il sistema delle massonerie e poi un passo ulteriore rispetto alla mera corruzione, creano degli adepti che DEVONO obbedire, persone messe o reclutate nei luoghi di comando. Con queste armi a loro disposizione è veramente semplice imporre il loro volere.

Ribadisco sempre che la manipolazione mentale di massa e necessaria per imporre qualsiasi volontà, sociale o politica, i potenti che comandano il mondo hanno bisogno di convincere il popolo perchè è il popolo a comandare anche se non lo sa. Per convincere il popolo utilizzano la propaganda, tengono il popolo nella confusione, nella distopia tramite i media, i social, la censura e la politica in tutte le sue forme. Il popolo dovrebbe invece essere refrattario alla propaganda, dovrebbe sempre restare lucido ed attivo nel difendere diritti e libertà.

Potete iscrivervi alla newsletter del blog “NEW POST ALERT”, oppure seguirmi sui social. Ecco i link:

Telegram: https://t.me/farefrontecomune

(su Telegram posto notizie che i media nascondono e gli altri social censurano, suggerisco di seguire il canale)

Facebook: https://www.facebook.com/alessandro.ratti.9279

Instagram: https://www.instagram.com/rtt.alex/

Twitter: https://twitter.com/AlessandroRatt8

ARTICOLI PERTINENTI:

Lascia un commento

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

Telegram